ArteFiera 2017, 2!

ArteFiera è contorniata da molti eventi:  mostre, performances, talks spuntano in tutta la città componendo una ghirlanda di attrazioni irresistibili per chi arriva a Bologna.

Vedere tutto è impossibile quindi ecco una selezione di mostre interessanti,  alcune delle quali rimangono aperte anche dopo la fine della Fiera.

a1

Da vedere subito perchè finisce il 30 gennaio è la mostra Solo Figli, nella bella palazzina disegnata da Le Corbusier che si trova davanti all’ingresso della Fiera, in piazza Costituzione. Curata da Sergia Avveduti e da Irene Guzman è una collettiva di 33 piccoli lavori, squisitamente allestita in spazi veramente interessanti. Un vero antidoto all’effetto straniante da supermarket della Fiera.

a2

a3

A fior di Pelle è il titolo di tre istallazioni di Chiara Lecca alle Collezioni Comunali d’Arte, in Palazzo Accursio che è proprio in Piazza Maggiore. Le sue fotografie stanno in equilibrio tra lo straordinario e l’orrido e sono fantastiche. Fino al 19 marzo.

chiara_lecca_golden_still_life_piccolo

A casa Morandi Grigio Lieve ospita sculture di Ornaghi & Prestinari che si sono ispirati alle ombre nei quadri di Morandi; al museo di Palazzo Poggi, fino al 26 febbraio, due mostre di arte contemporanea “dialogano”, come va tanto di moda dire adesso, con le collezioni del museo: quella di Bertozzi & Casoni, e Per caso e per necessità di Maria Teresa Sartori.

Una divertente caccia al tesoro è trovare la mostra L’instabilità degli oggetti, curata da Pietro Gaglianò in un affascinante ex atelier di abiti da sposa ancora pieno di fruscii di tulle, di morbide speranze e di sogni. Lo spazio, l’ex Atelier Corradi,  fu progettato all’inizio degli anni Cinquanta dall’architetto Enrico De Angeli, ed è tutelato con decreto del Ministero Beni Culturali.

a4

a5

Una volta lì si tratta poi solo di una breve passeggiata per stradine meravigliose per arrivare all’affascinante mostra del grande fotografo Nino Migliori , Lumen. Ospitata in locali che dire strepitosi è dire poco, in Santa Maria della Vita, la mostra è omaggio al capolavoro rinascimentale  Il Compianto, di Niccolò dell’Arca che si trova nella stessa chiesa. Si tratta di immagini molto belle esposte in luoghi strepitosi ispirati a un lavoro che è in tutti i manuali di storia dell’arte…ricetta perfetta per far godere occhi, cuore e mente. Fino al 23 aprile, ingresso gratuito, cosa volete di più!

a6

Tutte le info su queste e su tutte le altre mostre sul sito http://www.artcity.bologna.it

Tutte le foto sono mie, www.margheritaabbozzo.com, a parte quella del lavoro di Chiara Lecca, Golden Still Life (dettaglio), 2016. Courtesy Museum Schloss Moyland, Bedburg Hau (D) e Galleria Fumagalli, Milano. Crediti fotografici: Olimpia Lalli.

 

 

Pubblicato in arte contemporanea, Fotografia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

ArteFiera 2017!

phonephotosgennaio2017artefiera-238

Puntualmente, come tutti gli anni, con la fine di gennaio arriva ArteFiera e parte il pellegrinaggio per Bologna. In treno, in macchina, in pulman, a piedi!, praticamente chiunque lavori a qualsiasi titolo nel sistema dell’arte si ritrova a calare sul quartiere di Bologna Fiere.

2

 

Un quartiere fieristico enorme, una città nella città, tutta padiglioni, torri e parcheggi, che circonda e ingoia chi vi arriva con la voglia, la speranza o il miraggio di aggiornarsi e fare il punto sull’arte contemporanea.

phonephotosgennaio2017artefiera-239

ArteFiera occupa due padiglioni. Due grandi rettangoloni luminosi e pieni di luce naturale, all’interno dei quali lo spazio è diviso in tanti stand più o meno grandi, occupati da gallerie più o meno importanti.

cameraphotosgennaio2017artefiera-051

Quest’anno l’organizzazione è stata affidata alla critica, docente, scrittrice e giornalista Angela Vettese, che ha voluto rimescolare le carte in tavola. Risultato: fine della separazione tra gallerie che si occupano di arte moderna con opere di artisti storici e riconosciuti dal mercato e quelle di arte contemporanea dedite a scommesse sui giovani. Quindi, tutti insieme allegramente. E funziona.

Così, cosa si vede alla Fiera? Quest’anno tutti parlano del “ritorno della bella pittura”…qualunque cosa questo voglia dire. Ci sono tante opere pittoriche, con Mario Schifano ovunque. Praticamente nessun video. E invece tantissima fotografia, più che negli anni scorsi. E si tratta per lo più di fotografia di qualità: se la visita parte dal padiglione numero 25 per esempio si è accolti da bei lavori di Francesco Jodice (alla galleria Di Marino) e di Raffaella Mariniello (da Trisorio)

cameraphotosgennaio2017artefiera-086

E poi via via si incontrano tanti lavori, per tutti i gusti. Ci sono opere di Giacomo Costa,

cameraphotosgennaio2017artefiera-042

altre del grande Paolo Gioli,

cameraphotosgennaio2017artefiera-054

e poi altre di Paolo Woods, di Michael Kenna

michael-kenna-tree-and-twenty-eight-posts-teshikaga-hokkaido-japan-fotografia-2013-uf-566x590

e di tanti altri fotografi sia storici e celebri ( Mario Giacomelli, Herbet Liszt, Berengo Gardin, Nino Migliori, Todd Hido e tanti altri)

FB0100 003

sia altre di artisti giovani e nuovi, come il performer cubano Carlos Martiel,  classe 1989, presentato dalla galleria Rossmut di Romab

acon immagini che documentano le sue performances ispirate da tematiche politiche molto trendy;  oppure come Eric Guo, raffinatissimo e poetico fotografo cinese che rifotografa fotografie spiegazzate di giovani “messe in croce”, presentato dalla galleria The Public House of Art di Amsterdam.

aaIl lavoro più intenso e interessante? Made in Italy- Handle with Care di Mustafa Sabbagh.

aaa

Italo palestinese nato in Giordania, Mustafa Sabbagh, classe 1961, è presentato in fiera dalla galleria Marcolini, che così introduce questo suo bel Made in Italy- Handle with Care:

“Laddove gli sforzi mediatici pronti a celebrare le eccellenze nostrane pongono l’Italia come leader nel settore delle 3 F – Fashion, Food, Furniture – l’artista espone, come si trattasse di merce da banco, un’altra F – la più eccellente e la più promettente, ma la meno salvaguardata: la F del Futuro, quella del Fanciullo.” 

Si tratta di 27 ritratti di ragazzi tra gli 11 e i 22 anni, fotografati contro lo sfondo del mare à la Joel Meyerowitz e Rineke Dijkstra, ma con una potenza concettuale nuova, perchè la presentazione del lavoro è accompagnata da un comunicato scritto come se i ragazzi fossero meri prodotti.

Un lavoro di grande impatto. Non per nulla Sabbagh è stato definito uno degli “otto artisti più significativi del panorama nazionale contemporaneo” e questo lavoro è nella collezione del Maxxi.

111

Altri lavori, belli, di Mustafa Sabbagh sono presentati anche dalla MLB Home Gallery di Ferrara, una piccola ma determinata ed interessantissima maniera di pensare il commercio di arte.

 

1, continua.

Tutte le fotografie sono mie, Margherita Abbozzo http://www.margheritaabbozzo.com. Liberi di usarle, apprezzato il credito.

I lavori fotografati sono, in ordine di apparizione:

Raffaella Mariniello, Eremo,2016; Giacomo Costa, Fluid, 2017; Paolo Gioli, Polaroid Volto in cera, 1993; Michael Kenna, Tree and Twenty Eight Posts, Teshikaga, Hokkaido, Japan, 2013; Nino Migliori, Il Tuffatore, 1951; Carlos Martiel, Trophy, 2016 e Expulsion, 2015; Eric Guo, Facing Each Other, n/d; Mustafa Sabbagh, Made in Italy, 2015.

 

Pubblicato in arte contemporanea, Fotografia, Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Prato on fire

Prato è on fire. Per accompagnare la riapertura del Centro Pecci sono esplose mostre in luoghi diversi in città, creando una fibrillazione inusuale e niente male.

Per vedere La Torre di Babele – un titolo che fa da azzeccatissimo pendant a La Fine del Mondo in scena al Pecci – si deve andare alla ex fabbrica Lucchesi, in piazza Macelli. E penetrare nella fabbrica, poi officina,  che adesso ospita 23 lavori di artisti scelti dal curatore Pietro Gaglianò, tra quelli che lavorano con le gallerie toscane della ANGAMC: l’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea.

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-185

babele_correzioni_15_09

Installare lavori di 23 artisti diversi per tecniche, linguaggi ed età è difficile, e si è sempre a un passo dall'”effetto fiera” di tanta roba accatastata senza un vero perchè. Invece qui l’insieme è vitale, interessante, e soprattutto carico di energia. Merito anche delle istallazioni davvero molto attente e curate. Questa Torre di Babele è stata costruita facendo dialogare i lavori e costruendo richiami e rimandi che intersecano lo spazio. Tutto riverbera e tutto si tiene.

Come al solito, le fotografie non possono rendere che una minima parte dell’ieffetto di una mostra. Bisogna recarsi fisicamente davanti ai lavori. Ma intanto, facciamo un giro insieme:

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-187

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-1991phonephotossettembreottobre2016casaepecci-202phonephotossettembreottobre2016casaepecci-194

5

2

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-198

4

3

Questo è solo un assaggino per invogliarvi a scoprire dal vero la Torre di Babele.

Da lì consiglio poi di fare un salto a Lottozero, un nuovo spazio che in stile molto pratese apre in un vecchio laboratorio, proponendosi come spazio polifunzionale per legare ricerca artistica e design tessile. Inaugura con una collettiva di 13 artisti italiani e internazionali accomunati dalla ricerca intorno a tessuti e affini. Tra questi segnalo i lavori di, in ordine di apparizione: Anna Rose, che lavora con capelli sintetici; il duo Khurtova/Bourlanges che lavora con la porcellana; e l’istallazione infotografabile di Arianna Moroder, che ha cullato nel sonno chi si è voluto fermare a trascorrere la notte nello spazio, accompagnato dalla musica di uno Sleep Concert durato tutta la notte.

a b

Tutte le fotografie sono mie, http://www.margheritaabbozzo.com

Credits per le opere in La Torre di Babele: Paolo Leonardo, In attesa della rivoluzione, 2016; Aron Demetz, Senza Titolo, 2015; Renata Boero, Cromogramma, 1976; Michele Guido, Greenhouse Project #2, 2011,  Arcangelo Sassolino, Nucleo, 2016, Vittorio Corsini, Eros 10.7, 2012, Giuseppe Chiari, la Musica è bella, anni ’90, Carlo Colli, Skin N125, 2016, Fabrizio Corneli, Ondina, 2016.

Pubblicato in arte contemporanea, Cultura Contemporanea | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Il nuovo Pecci è La fine del mondo

Eccolo! Il nuovo Centro Pecci è finalmente arrivato.

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-039Il grandioso disco volante è atterrato. Il portellone si è aperto e…

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-041 ne sono usciti omini verdi? No.

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-046Benvenuti alla Fine del mondo.

E’ il titolo della mostra che inaugura lo spazio. Fabio Cavallucci, il direttore,  l’ha costruita sulla convinzione che la fine del mondo sia, come ha avuto modo di dire, “già avvenuta. Non la fine del pianeta, ma la fine del “nostro” mondo, dei processi percettivi e cognitivi che dall’antica Grecia ad oggi hanno costituito le basi del sistema di pensiero occidentale, che poi è oggi quello globale”.

I nuovi spazi del museo sono stati disegnati da Maurice Nio, che ha circondato e integrato l’edificio originariamente progettato da Italo Gamberini. Facciamoci una passeggiata insieme a vedere la mostra.phonephotossettembreottobre2016casaepecci-166

Si comincia da Break-Through di Thomas Hirschorn, opera che è perfettamente allestita accanto alla “Foresta pietrificata” di  Jimmie Durham

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-141 E da lì si passa all’istallazione più sensazionale di tutte, Transcorredor di Enrique Oliveira.

Non ve la racconto perchè va provata. Proprio fisicamente, dico.

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-159

Come fisicamente bisogna andare a sperimentare ogni lavoro. Le fotografie non possono rendere l’immersione nel Black Lake di Bjork

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-117phonephotossettembreottobre2016casaepecci-122o quello nei quarzi, seleniti e incredibili ametiste della collezione di Adalberto Giazotto

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-102O ancora quello nello spazio di Carlos Gairacoa che unisce il cielo e la terra

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-083E nel volo dei 99 lupi di Cai Guo Quiangphonephotossettembreottobre2016casaepecci-050phonephotossettembreottobre2016casaepecci-055E nella performance di Pippo Del Bono intorno agli scolari della Classe Morta di Kantor

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-062

Oppure nel fulminante angolino che comprime l’arte occidentale dalla Venere preistorica a Fontana passando per Duchamp e Bocconi…

phonephotossettembreottobre2016casaepecci-178

Dice Cavallucci: “Ciò che abbiamo conosciuto finora è diventato obsoleto. La mostra non vuol essere la rappesentazione di un futuro catastrofico imminente ma presa di coscienza della incertezza in cui versa il nostro mondo, e riflessione sugli scenari che ci circondano. I mezzi d’interpretazione della realtà che abbiamo conosciuto non sono più in grado di comprendere il tempo presente. Da questo cambiamento strutturale nasce un senso diffuso di fine”.

Si, e per fortuna l’arte vede sempre più lontano di tutti. Come dimostra Kader Attia con il suo Chaos + Repair = Universe

aaa


Ripeto, le fotografie non possono rendere che una pallida idea della mostra. E quindi consiglio vivamente a tutti di andare al nuovo Centro Pecci: è la fine del mondo!

Tutte le fotografie sono mie,  wwww.margheritaabbozzo.com

Pubblicato in architettura contemporanea, arte contemporanea, Cultura Contemporanea | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Ferruccio Malandrini e la fotografia

 

 

 

6Bruco-DSC_5116

Quando si dice “tutta la vita dedicata alla fotografia”:  è la storia di Ferruccio Malandrini. Classe 1930, di Colle Val d’Elsa, sin da giovanissimo fotografo e collezionista extraordinaire e oggi esperto a tutto tondo.

00AUTORITRATTO-DSC_5235

CameraPhotosLuglio2016SienaMalandrini 043

Che ha davvero vissuto la fotografia in tutti i modi possibili: girando sempre con una macchina fotografica in mano e pronta all’uso, e andando continuamente a rovistare in mercati e mercatini, e frequentando con assiduità librerie e biblioteche. E così facendo sviluppando una cultura sterminata, un occhio infallibile e, insieme, una conoscenza del mercato che è stata di decenni in anticipo sui trend contemporanei.

14siena-DSC_5067

Con questi ingredienti e aiutato da belle dosi di fortuna ha saputo e potuto creare collezioni straordinarie, come non sarebbe più possibile fare oggi che la fotografia è stata scoperta dal mercato.

Una di queste collezioni, di  ben 55.000 fotografie!, è stata ceduta nel 1987 e nel 2007 agli Archivi Alinari insieme a un’altra, amplissima, collezione di libri e riviste –  composta, come racconta lui stesso, di “5.200 titoli, dove “1 titolo” è , per esempio, la collezione completa della rivista Ferrania, che è uscita per 20 anni”. Un’ altra collezione dedicata alla storia di Siena –  9.500 immagini – è andata nel 2005 al Monte dei Paschi di Siena.

Si tratta di collezioni sterminate, messe insieme con pazienza certosina, grande acume, e infinita passione da “cacciatore”.  I racconti dei suoi ritrovamenti, spesso di veri gioielli siano essi immagini o macchine fotografiche antiche, sembrano trame di film: come quella volta che trovò un album di Le Gray, il Salon de 1852,  “per terra” (Gustave Le Gray fu un fotografo francese importantissimo che con le sue celebri marine degli anni intorno al 1850 sviluppò una tecnica che permetteva di utilizzare negativi differenti per creare una nuova immagine “combinata”, cioè in pratica l’ antesignano di photoshop). Oppure quando acquistò in una libreria antiquaria un eccezionale album di Felice Beato, uno dei primissimi fotografi a lavorare in Asia e Oriente, album che era sì caro – tanto che il negoziante non credeva lui potesse permetterselo – ma niente rispetto al vero valore sul mercato internazionale. Oppure ancora quando, e si tratta solo dell’altro giorno, scova per due lire una rara e perfetta fotocamera stereoscopica in un mercatino rionale…

E le sue fotografie? Sono belle, e…misteriose. Perchè non escono dal suo archivio se non con il contagoccie.

18siena-DSC_5046

17siena-DSC_5066

E ci deve essere un progetto speciale, o un luogo speciale a lui caro per convincerlo a farne vedere qualcuna, come è appena successo a Siena, dove la Nobil Contrada del Bruco ha organizzato la bella mostra Ferruccio Malandrini, Siena, il suo sguardo, fotografo e collezionista.

fm1

Curata da Stefano Fantini  la mostra era composta da 80  immagini, molte delle quali scattate nella contrada prima, durante e dopo gli interventi di recupero edilizio che la interessarono a partire dagli anni Settanta del Novecento.

CameraPhotosLuglio2016SienaMalandrini 037

Tutti i lavori sono immagini del genere “di strada”, che catturano persone, atmosfere e scorci con una sensibilità affine a quella di William Klein, di Henry Cartier Bresson, di Manuel Alvarez Bravo.  Tutti autori a lui coevi, come lui appassionati di cinema – Ferruccio Malandrini arriva alla fotografia attraverso la frequentazione dei primi cineclub –  e tutti capaci di guardare con occhio affettuoso e mai critico la vita della gente.

19Bruco-DSC_5104

Nella bella mostra senese si tratta di donne, uomini e bambini che si lasciano fotografare da lui con fiducia, accettando con naturalezza la sua presenza non intrusiva e rendendogli sorrisi semplici e fieri, come oggi non sembrano esistere più. Foto che raccontano con grande finezza e sensibilità di Siena e insieme dell’Italia di quei tempi. Insomma la storia di tutti noi.

23siena-DSC_5070

Le fotografie di Ferruccio Malandrini  nascono grazie a tanti elementi: occhio allenato da letture importanti, mano abituata a stampare dal lavoro in camera oscura,  gusto educato dai grandi maestri del cinema e della fotografia internazionale. Sono lavori interessanti e mettono curiosità di vederne altri. Quali altre sorprese conserva l’archivio di Ferruccio Malandrini? Speriamo che le autorità senesi, e non solo loro, riescano a farlo aprire ancora, presto.

 

http://www.margheritaabbozzo.com

Il ritratto di Ferruccio Malandrini davanti al suo autoritratto del 1952, la foto dell’allestimento della mostra e quella del poster sono di Margherita Abbozzo.

Di Ferruccio Malandrini, dall’alto: Tabernacolo in via degli Orti, Siena, 1962; Autoritratto, Siena, 1952; Manifestazione in piazza Matteotti, Siena, 1969; via del Fosso di Sant’Ansano, Siena, 1960c; La festa del 1° Maggio a Geggiano in Chianti, 1962; via di Mezzo, Siena, 1962/63; La mattina della tratta, dentro l’entrone, Siena, 1970.

 

 

 

Pubblicato in Cultura Contemporanea, Fotografia | Contrassegnato , , , , , , , , , | 1 commento

Mario Giacomelli e la poesia dello sguardo

 

G7aaa

E’ da poco aperta a Roma a Palazzo Braschi una bella mostra su Mario Giacomelli. Rimane visitabile fino al 29 maggio e la raccomando vivamente a chiunque abbia a che fare con la fotografia.

Quella di Mario Giacomelli è stata una voce fuori dal coro, che non è possibile incasellare in nessun movimento nè con nessuna etichetta. Quello che però si può dire con sicurezza è che è stato uno dei pochissimi veri fotografi artisti.

G1

Giacomelli, nato a Senigallia in provincia di Ancona nel 1925 e morto nel 2000, ha lavorato per serie, dedicando cioè a ogni sua idea tempo, lavoro e ricerca. Serie dopo serie le sue immagini sono infallibilmente intense e toccanti.  Alcune di esse sono celeberrime, come quella sul paesino abruzzese Scanno,

G2

o quella sui giovani seminaristi che giocano a calcio ( il cui titolo evocativo è preso da una poesia di David Turoldo, Io non ho mani che mi accarezzino il viso)

G10

o ancora quella sui paesaggi marchigiani ripresi ” a volo d’uccello”, cioè da un aeroplano;

G5

altre sono un pò meno conosciute, come quelle sugli zingari e sugli ospizi mentali (quest’ultima con un altro titolo poetico e fulminante, Verrà la morte ed avrà i tuoi occhi, da Cesare Pavese). Altre fotografie ancora non erano mai state esposte prima d’ora. Lui le chiamava sbrigativamente “appunti”: ma sono belle e pensate quanto le altre.

G9

 

Prima di arrivare alla fotografia quasi trentenne Mario Giacomelli aveva fatto il tipografo, cominciando a lavorare giovanissimo, quasi ancora bambino. Al tempo stesso dipingeva e scriveva poesie. Quando nei primi anni Cinquanta scopre quello che può fare con una macchina fotografica ha la fortuna di poter lavorare con Giuseppe Cavalli, altro grande fotografo, che proprio a Senigallia aveva fondato il gruppo fotografico Misa.

G4

Lì Giacomelli affina le sue idee sulla composizione delle immagini e sulla stampa. E sviluppa il suo caratteristico fortissimo contrasto di bianchi e neri, che diventa la cifra poetica con la quale trasforma immagini che altrimenti  sarebbero documentaristiche in meditazioni sulla vita, sulla morte, sul tempo che passa, sulla malattia, sul senso del nostro passaggio su questa terra.

G3

Come dice lui stesso in una frase che si legge all’ingresso della mostra: “ Nelle mie foto vorrei che ci fosse una tensione tra luce e neri ripetuta fino a significare. Prima di ogni scatto c’è uno scambio silenzioso fra oggetto e anima, c’è un accordo perchè la realtà non esca come da una fotocopiatrice ma venga bloccata in un tempo senza tempo per sviluppare all’infinito la poesia dello sguardo che è per me forma e segno dell’inconscio“.

G6

L’allestimento nelle belle sale di Palazzo Braschi è sobrio ed elegante. Accompagnano le varie serie fotografiche alcune poesie, di Giorgio Caproni, di Emily Dickinson e altri: un tocco gentile, appropriato ed elegante: non c’è che la poesia che possa raccontare lo sguardo di Mario Giacomelli.

 

Margherita Abbozzo.

Tutte le fotografie sono mie, http://www.margheritaabbozzo.com
Mario Giacomelli – La figura nera aspetta il bianco
a cura di Alessandra Mauro
Catalogo Contrasto
MUSEO DI ROMA – PALAZZO BRASCHI
Piazza Navona 2 / Piazza San Pantaleo 10
06 0608 / 06 82077304
museodiroma@comune.roma.it
www.museodiroma.it
www.museiincomuneroma.it

 

Pubblicato in Cultura Contemporanea, Fotografia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

War is Over!

blog2

Homs? Raqqa? No. Viareggio. Viareggio! 1944.

Questa è solo una delle immagini della bellissima mostra War is Over!, l’Italia della Liberazione nelle immagini dei U.S. Signal Corps e dell’Istituto Luce, 1943-1946 da poco aperta a Milano  alla galleria Forma Meravigli in via Meravigli, a due passi da piazza del Duomo.

PhonephotosFeb2016Milano 179

Dire che questa mostra è emozionante è dire poco. Le sue 140 fotografie raccontano la Liberazione vista dai reporter dell’Istituto Luce – l’organo ufficiale per la documentazione foto-cinematografica del governo e del regime fascista – e dai Signal Corps, i corpi militari americani addetti alla comunicazione.

blog3

Sono sguardi che si incrociano e che raccontano quello che stava succedendo meglio di qualsiasi testo di storia. I libri dicono che la liberazione dell’Italia durò due anni, da quando gli americani sbarcarono in Sicilia nel luglio del 1943 alla resa dei nazifascisti nell’aprile del 1945. Ma cosa tutto questo significò veramente lo si capisce immediatamente guardando queste immagini, e i volti, i corpi, gli abiti, le scarpe, le ambientazioni che ci mostrano.

blog5

Qui sopra: Mestre, dopo il bombardamento del 28 marzo 1943.

blog1

Militi fascisti della I legione d’assalto “M” Tagliamento, agosto 1944. Inquadrata nella Guardia nazionale repubblicana, la legione fu impiegata nella repressione antipartigiana, che condusse brutalmente anche attraverso lo strumento della rappresaglia.

Dal 1943 al 1945 l’Italia visse due anni terribili di guerra civile vera e propria, con il paese e la sua gente divisi a metà. Il regno del Sud da una parte, la repubblica di Salò dall’altra, con combattimenti feroci tra forze alleate e partigiani da una parte e i nazifascisti dall’altra.

blog7

Gli italiani scattano solo in bianco e nero e devono fare i conti con una censura attentissima a non fare emergere i costi umani della guerra (i militi non devono essere mostrati sorridenti, cioè non abbastanza “maschi”, ma nemmeno tristi o in difficoltà o in pericolo; le distruzioni provocate dai bombardamenti non si devono vedere e via così), mentre gli americani scattano sia in bianco e nero – quando documentano la situazione – sia a colori – quando le immagini hanno scopi di propaganda.

blog6

Tutte le fotografie sono presentate in mostra con stampe e formati attuali, cioè a noi contemporanei, il che amplifica grandemente il loro effetto. E dialogano in maniera molto interessante con una piccola serie di immagini vintage scattate nei giorni dei bombardamenti di Milano da un privato, e concesse qui dal figlio. In mostra sono anche dei filmati straordinari: alcuni sono opera di grandi registi di Hollywood che lavorarono inquadrati nei Signal Corps, altri sono spezzoni di documentari che restituiscono con straordinaria immediatezza l’emozionante arrivo della pace in Italia e in Europa.

blog8

In questi tempi in cui immagini di città distrutte, macerie e civili sfollati sono il nostro pane quotidiano, queste fotografie ci parlano ancora con forza. Quegli straccioni disperati seduti su cumuli di macerie fumanti siamo noi.

Sarebbe bello se la mostra, che è stata già vista a Roma, potesse girare per tutto il paese e tutte le scuole di ogni ordine e grado ci portassero i loro ragazzi. Queste immagini dovrebbero essere viste da tutti gli italiani, grandi e piccini, vecchi e nuovi.

Per chi non può andare a Milano raccomando il bel catalogo War is Over!, L’Italia della Liberazione nelle immagini dell’U.S. Signal Corps e dell’Istituto Luce, 1943 – 1945, a cura di Gabriele D’Autilia ed Enrico Menduni, che esce per i tipi di Contrasto. Raccoglie 133 fotografie e costa 24,90 euro.

 

Margherita Abbozzo

Tutte le fotografie sono state scattate in mostra da me, http://www.margheritaabbozzo.com

 

 

Pubblicato in Cultura Contemporanea, Fotografia | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento