ArteFiera 2017, 2!

ArteFiera è contorniata da molti eventi:  mostre, performances, talks spuntano in tutta la città componendo una ghirlanda di attrazioni irresistibili per chi arriva a Bologna.

Vedere tutto è impossibile quindi ecco una selezione di mostre interessanti,  alcune delle quali rimangono aperte anche dopo la fine della Fiera.

a1

Da vedere subito perchè finisce il 30 gennaio è la mostra Solo Figli, nella bella palazzina disegnata da Le Corbusier che si trova davanti all’ingresso della Fiera, in piazza Costituzione. Curata da Sergia Avveduti e da Irene Guzman è una collettiva di 33 piccoli lavori, squisitamente allestita in spazi veramente interessanti. Un vero antidoto all’effetto straniante da supermarket della Fiera.

a2

a3

A fior di Pelle è il titolo di tre istallazioni di Chiara Lecca alle Collezioni Comunali d’Arte, in Palazzo Accursio che è proprio in Piazza Maggiore. Le sue fotografie stanno in equilibrio tra lo straordinario e l’orrido e sono fantastiche. Fino al 19 marzo.

chiara_lecca_golden_still_life_piccolo

A casa Morandi Grigio Lieve ospita sculture di Ornaghi & Prestinari che si sono ispirati alle ombre nei quadri di Morandi; al museo di Palazzo Poggi, fino al 26 febbraio, due mostre di arte contemporanea “dialogano”, come va tanto di moda dire adesso, con le collezioni del museo: quella di Bertozzi & Casoni, e Per caso e per necessità di Maria Teresa Sartori.

Una divertente caccia al tesoro è trovare la mostra L’instabilità degli oggetti, curata da Pietro Gaglianò in un affascinante ex atelier di abiti da sposa ancora pieno di fruscii di tulle, di morbide speranze e di sogni. Lo spazio, l’ex Atelier Corradi,  fu progettato all’inizio degli anni Cinquanta dall’architetto Enrico De Angeli, ed è tutelato con decreto del Ministero Beni Culturali.

a4

a5

Una volta lì si tratta poi solo di una breve passeggiata per stradine meravigliose per arrivare all’affascinante mostra del grande fotografo Nino Migliori , Lumen. Ospitata in locali che dire strepitosi è dire poco, in Santa Maria della Vita, la mostra è omaggio al capolavoro rinascimentale  Il Compianto, di Niccolò dell’Arca che si trova nella stessa chiesa. Si tratta di immagini molto belle esposte in luoghi strepitosi ispirati a un lavoro che è in tutti i manuali di storia dell’arte…ricetta perfetta per far godere occhi, cuore e mente. Fino al 23 aprile, ingresso gratuito, cosa volete di più!

a6

Tutte le info su queste e su tutte le altre mostre sul sito http://www.artcity.bologna.it

Tutte le foto sono mie, www.margheritaabbozzo.com, a parte quella del lavoro di Chiara Lecca, Golden Still Life (dettaglio), 2016. Courtesy Museum Schloss Moyland, Bedburg Hau (D) e Galleria Fumagalli, Milano. Crediti fotografici: Olimpia Lalli.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in arte contemporanea, Fotografia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...