Pontormo e Rosso Fiorentino a Palazzo Strozzi

PhonePhotos Marzo 2014 246

E’ aperta a Palazzo Strozzi una mostra magnifica:

Pontormo e Rosso  Fiorentino. Divergenti vie della “maniera” racconta il viaggio terreno e celeste di due artisti perfettamente coetanei che si ritrovarono a vivere nella stessa città e nello stesso ambiente culturale eppure furono diversi l’uno dall’altro per stile, intenzioni, modi di vita, scelte di campo.

PhonePhotos Marzo 2014 170

L’epoca è la prima metà del 1500. I tempi sono difficili, a Firenze poi difficilissimi: sono anni dominati da rivolgimenti politici continui e da cardiopalma. Rivolte, congiure, Savonarola, Carlo VIII di Francia che si insedia in città, i Medici che vengono cacciati e condannati al confino, l’istaurazione della repubblica, il ritorno dei Medici, nuove congiure ( è quando Machiavelli viene confinato ), la peste, poi, dopo il Sacco di Roma, i Medici di nuovo abbandonano la città che di nuovo si costituisce in repubblica, per finire assediata e nonostante la resistenza sfrontata della popolazione, tradita e riconsegnata ai Medici nel 1530. Eppure, in tutti questi rivolgimenti lavorano alcuni tra gli artisti più grandi: Michelangelo, che scolpisce il David su commissione della prima repubblica fiorentina; Leonardo, che per la repubblica cominciò l’affresco vanamente cercato pochi mesi fa in Palazzo Vecchio, e Raffaello, Perugino, e tanti altri. Come possono esprimersi artisti giovanissimi che crescono in questo clima culturale?

PhonePhotos Marzo 2014 177

Come Pontormo e Rosso. Che, nati nel 1494, passarono prima dalle botteghe di vari artisti  ( Pontormo da quella di Leonardo ) e poi a nemmeno 20 anni si ritrovarono vicini ad Andrea del Sarto, di poco più grande di loro, subito a lavorare a una commissione importante per la città – che allora sapeva valorizzare il talento e i gggiovani. La mostra si apre con i tre affreschi, creati per il primo chiostro della Santissima Annunziata, dove comincia questa storia.

PhonePhotos Marzo 2014 116

Che poi  si dipana per dieci sezioni colme di opere che raccontano appunto questa loro “maniera moderna”: alcune delle opere sono molto familiari ai fiorentini, perchè ancora presenti nelle chiese, ma qui si vedono ripulite per l’occasione con restauri che le rendono sfavillanti; altre sono meno familiari perchè in musei di tutto il mondo. Tutte sono capaci di farci fermare a guardarle a lungo. Quelle del Pontormo per la loro ineffabile dolcezza, per i colori meravigliosi, per le composizioni chiare eppure misteriose, e per quella loro bellezza indicibile e leggermente triste che si avviluppa al cuore.

PhonePhotos Marzo 2014 150

Quelle del Rosso  per la loro stranezza ( per la loro “terribilità di cose stravaganti”, come scrisse il contemporaneo Vasari ), per i colori dissonanti e meravigliosi, per i modellati mai visti prima che oggi si definirebbero quasi in 3D, per le composizioni così affollate che non c’è più posto nemmeno per uno spillo…

PhonePhotos Marzo 2014 165

PhonePhotos Marzo 2014 172Come se tutto questo non bastasse, ci sono anche due sale di disegni di meravigliosa bellezza, due sale che rimarranno nella memoria di chiunque abbia la fortuna di vedere questa mostra.

PhonePhotos Marzo 2014 148

Mostra che segue i due artisti con la sapienza magistrale e la grande sensibilità dei due curatori, Carlo Falciani e Antonio Natali, che studiano questi artisti da decenni. E anche l’allestimento è bello: le pareti sono di un ricco color bordeaux che si sposa a una rendition contemporanea delle panche da via fiorentine, creando così un ambiente allo stesso tempo elegante e sobrio, inequivocabilmente fiorentino e filologicamente corretto.

PhonePhotos Marzo 2014 126

Insomma questa è una mostra davvero memorabile, come già fu quella del Bronzino             – allievo del Pontormo – anch’essa curata pochi anni fa a Palazzo Strozzi da Carlo Falciani e Antonio Natali, studiosi formatisi entrambe col grande maestro Carlo del Bravo, che ha saputo trasmettere a più generazioni l’amore per un’arte anticonformista e spregiudicata.

 

http://www.margheritaabbozzo.com. Tutte le immagini sono di Margherita Abbozzo.

Info pratiche sulla mostra e su i tantissimi interessanti eventi collaterali organizzati da Palazzo Strozzi: qui. Accompagna il gran bel catalogo, edito da Mandragora, l’ottimo libro Pontormo e Rosso Fiorentino a Firenze e in Toscana di Ludovica Sebregondi, edito da Maschietto editore.

Qui il bel video ufficiale della mostra. Qui belle interviste ai curatori.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte, Cultura Contemporanea e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...