A Londra: da vedere

Vacanzina a Londra? Gambe in spalla! Ecco una guida per scegliere tra le tantissime mostre da vedere per ossigenarsi cuore, occhi e cervello.

Cominciamo dai grandi musei: alla Tate Britain si può fare un tuffo nel presente che-più-presente-di-così-si-muore grazie al Turner Prize, che ogni anno presenta i quattro artisti più capaci di cogliere lo zeitgest o spirito del momento.

( Qui sotto, il lavoro di Paul Noble )

Oppure si può fare un tuffo nel passato, con la mostrona dedicata ai Preraffaelliti : stanze e stanze piene di tutti i classiconi del genere.

Alla Tate Modern invece è aperta la doppia retrospettiva dedicata ai grandi fotografi William Klein, americano, e Daido Moriyama, giapponese, che esplorano le città di New York e Tokyo con la pellicola fotografica e cinematografica . Tutte le info qui

Alla Royal Academy è aperta Bronze, 

una bella mostra che esplora la scultura in bronzo di tutto il mondo avvicinando pezzi di provenienza molto eterogenea e così creando cortocircuiti interessanti.

Tantissimi pezzi della mostra arrivano da Firenze ed è davvero interessante ed istruttivo vedere i soliti noti accanto a lavori che non c’entrano nulla…. Highly recommended. Info pratiche qui

Cambiando del tutto genere, il Victoria&Albert Museum ha mostre dedicate alla moda: la grande Hollywood Costume, che raccoglie 130 costumi di scena, dai primi film di Charlie Chaplin ad Avatar

Ballgowns – British Glamous since 1950, che celebra la riapertura delle gallerie dedicate alla moda con una sessantina di clamorosi abiti da sera, da quelli usati per i balli a corte a quelli di Lady Diana e a quelli delle star come Elizabeth Hurley, Bianca Jagger e Sandra Bullock, con pezzi dei grandi Zandra Rhodes,  Hussein Chalayan, Alexander McQueen e molti altri.

Fotografia di Lisa Scarpati. Altre sue belle immagini qui

Informazioni sulle mostre qui. Già che siamo sul tema della moda, alla Saatchi Gallery 113 fotografie di Karl Lagerfelt innalzano un peana alla giacchina Chanel, indossata da tutte le star degli ultimi anni.

Info? Qui.  E qui un interessante video sul making of the giacca. Sempre alla Saatchi Gallery fino al 4 novembre si può vedere anche la bella mostra di fotografia contemporana Out of Focus. Non è proprio la stessa cosa, ma per chi non può andare foto delle varie sale sono visibili qui.

Last but not least, la mostra da non perdere per nessuna ragione è Everything was Moving: Photography from the 60s and 70s al Barbican Centre: una mostra rara. Commovente. Fortissima. Mette insieme artisti di provenienza molto diversa, scollegati tra di loro, e centra l’ obiettivo di riflettere i cambiamenti epocali nati nelle due decadi che hanno formato la nostra contemporaneità.

Foto di Jane Hobson 2012, courtesy Barbican Art Gallery

Cambia tutto in quegli anni, e fotografi come Larry BurrowsDavid Goldblatt, Ernest Cole, Bruce Davidson, William Eggleston, Li Zhensheng, Boris Mikhailov, Graciela Iturbide e Raghubir Singh riescono a farci capire come, con una potenza rara. Che urla le sue ragioni ancora fortissimo.

Raghubir Singh, Pellegrino e Ambasciatore, 2012 Succession Raghubir Singh

Malik Sidibé, A Yé-yé posing, 1963, courtesy Fifty One Fine Art Photography, Antwerp

In mostra ci sono immagini che colpiscono, altre che commuovono, altre ancora che indignano…si esce veramente colpiti da questa mostra bellissima. Bellissima. Ve la consiglio caldamente.

E sempre al Barbican, consiglio di provare la divertente Rain Room: un’istallazione che rovescia l’idea della nuvola fantozziana.

Rain Room, fotografie di Felix Clay

Ci sono code epocali ma se ci capitate in un momento di quiete, approfittatene. Date e orari qui.

( 1, continua. La prossima puntata sarà su quello che si può vedere nelle gallerie londinesi )

Tutte le foto sono di Margherita Abbozzo a parte dove altrimenti indicato; quella all’interno della Royal Academy è di Stanton Williams. L’immagine della Chimera di Arezzo è di Antonio Quattrone, mentre quella di Spider IV, del 1996 di Louise Bourgeois, è di Peter Bellamy.

http://www.margheritaabbozzo.com

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in arte contemporanea, Fotografia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a A Londra: da vedere

  1. Pingback: Londra da vedere: i grandi musei | Travel Emotions with ACTM Ltd

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...